alt img

Enea Zucchetti a Locarno con L’AZZURRO DEL CIELO

Domani, martedì 13 agosto, sarà presentato il cortometraggio del regista ticinese emergente Enea Zucchetti che partecipa al Concorso nazionale dei Pardi di domani.

Il film, autoprodotto, racconta di una città silente, misteriosamente priva d’abitanti,  attraversata da un uomo giunto da un paese lontano.

La proiezione avrà luogo a La Sala alle ore 14:00.

Le repliche sono previste per mercoledì 14 agosto ore 17:00 (PalaVideo) e giovedì 15 ore 9:30 (L’altra Sala).

La macchina da presa traccia una panoramica su un prato. Non sembra esserci anima viva, ma nella nebbia si intravede un uomo che cammina. All’inizio non ci si fa molto caso, sopraffatti come si è dalle architetture fotografate in modo così sapiente da Enea Zucchetti. Quando l’uomo giunge al cimitero di San Cataldo a Modena progettato da Aldo Rossi, l’assenza di vita umana, e della morte stessa, si trasformerà in un mistero. A quel punto ci chiederà: «Dove sono finiti tutti?». - Stefan Ivancic

Biografia del regista: Enea Zucchetti, nato a Lugano nel 1996, sin dall’infanzia sviluppa un forte interesse per il cinema e le arti figurative. Nel 2017 si sposta a Milano dove, influenzato dal linguaggio del documentario e della fotografia, inizia a sperimentare con l’immagine attraverso progetti audiovisivi. La sua ricerca artistica, attualmente, tocca i temi dell’architettura, dell’urbanistica e del paesaggio contemporaneo.